L’olio dei Colli cresce e si mette in mostra

Il Mattino di Padova 10 Settembre 2014

L’olio extravergine d’oliva dei Colli Euganei si è conquistato, poco per volta, un posto tutt’altro che marginale fra i prodotti tipici e di qualità dell’agricoltura padovana.

 

L’olio extravergine d’oliva dei Colli Euganei si è conquistato, poco per volta, un posto tutt’altro che marginale fra i prodotti tipici e di qualità dell’agricoltura padovana. Dal 2000 in poi gli olivicoltori hanno scelto di fare squadra e di investire sull’olio nostrano.

 

Oggi le aziende produttrici sono 525. Coltivano gli ulivi su una superficie di poco più di 400 ettari, prendendosi cura di 150 mila piante, dalle quali ricavano 30 mila quintali di olive, utili per la produzione di circa 4.500 quintali di olio nei frantoi del territorio. Il fatturato va dai 7 agli 8 milioni di euro, escluso l’indotto generato dal settore.

 

Numeri contenuti rispetto ad altre zone del Veneto e d’Italia dedicate alla produzione di olio d’oliva ma significativi per l’area euganea. A questo punto, dopo aver investito sulla produzione e la qualità, l’associazione Olivicoltori Euganei ha ritenuto che i tempi fossero maturi per la prima manifestazione dedicata a questo prodotto. Nasce così “COLL’OLIO”, il Festival dell’Etravergine di Oliva dei Colli che si terrà venerdì al Castello di Lispida a Monselice.

 

«Da dodici anni siamo impegnati ad ampliare la coltivazione e ad ottenere un prodotto d’eccellenza», spiega Ampelio Bianco, tecnico degli Olivicoltori Euganei, «ora è il momento di farlo conoscere al grande pubblico anche attraverso un evento che vogliamo diventi un appuntamento annuale. In quell’occasione sarà possibile assaggiare 45 varietà di olio prodotto da 45 aziende del nostro territorio. Possiamo andarne orgogliosi perché nessun olio presenta problemi, anzi abbiamo vere e proprie eccellenze».

 

La Camera di Commercio di Padova, il Parco Colli e le organizzazioni agricole sostengono e appoggiano la prima edizione del festival. Il programma completo con i dettagli sul sito www.collolio.it

 

Nicola Stievano

 

Al castello di Lispida si inaugura Coll'olio

VINO E CIBO 15 Settembre 2014

Si è celebrata nella collinare cornice del castello di Lispida, nella zona di Monselice, la prima edizione del Festival dell'Extra Vergine d'Oliva dei Colli Euganei.

 

L'Associazione Olivicoltori Euganei, che ha preso vita nel 2000, raggruppando oggi più di 500 aziende produttrici e coltivando 150 mila piante d'ulivo su di una superficie di poco più di 400 ettari, riesce ormai a produrre circa 4.500 quintali del gustoso 'oro verde' grazie ad una affermazione che si sta sempre più radicando nel Veneto.

 

Dopo che, per più di un decennio, si sono impegnati per raggiungere l'eccellenza, la corporazione ha quindi deciso di allargare la propria notorietà, promuovendo il solerte lavoro e istituendo “Coll'olio”: il Festival dell'olio extravergine della zona Euganea.

 

Degustazione tecnico-emozionale

L'incontro, come del resto l'associazione si prodiga da tempo a fare, ha riservato parte dell'appuntamento a fini propedeutici così da approcciare il pubblico a 'capire, conoscere e riconoscere' il prodotto olivicolo. Così, ci si è avvalsi della consulenza dell'esperto dott. Massimo Epifani, che, fornendo gli innovativi bicchierini “Bicolio”, grazie ai quali assaporare al meglio il prodotto, ha tenuto una degustazione guidata su come “mangiare” il liquido e apprezzarne le

caratteristiche organolettiche.

 

La serata, cui si è data vita con il contributo della Camera di Commercio di Padova e l'Ente

Parco Colli, è stata occasione poi per premiare tra i 45 partecipanti al concorso “Oio del Pestrin“ -ossia del frantoio- gli olii migliori, che hanno visto Leonardo Granata dell'Agriturismo Montesereo di Rovolon come primo classificato, secondo classificato Roberto Ragazzi dell'Az. Agricola L'Oliveto Dei Nonni di Arquà Petrarca e Orazio Bonello del Rist. Valpomaro, sempre di Arquà Petrarca, al terzo posto.

 

Ambasciatori Cammino della conoscenza

L'organizzazione, avvalendosi di produttori del territorio, di ristoratori, nonché dei componenti dell'istituto alberghiero “Manfredini”, ha dato modo ai partecipanti all'evento di assaggiare prodotti tipici vari, nonché un menù composto di otto creazioni culinarie che han contribuito alla ulteriore valorizzazione del prodotto protagonista della serata, classificando perciò i professionisti come “Ambasciatori” appunto del “Cammino della conoscenza”. Assaggi vari sono stati accompagnati dalla degustazione di vini del Consorzio Vini dei colli euganei, e della birra artigianale 'La Veneta Cento per Cento' della Birra Antoniana; dove al termine degli assaggi, non poteva mancare il dessert che consisteva, ovviamente, in gelato anch'esso a base d'olio extravergine d'oliva.

 

Non solo armonia di sapori

A sera inoltrata, il gran finale della manifestazione ha visto gli astanti soddisfare pure l'anima, oltre al palato, assaporando l'abilità melodica del talentuoso Alberto De Meis, accompagnato dal maestro Rossetto al pianoforte e dal quartetto d'archi Artes, che ha incantato gli astanti grazie al suo fedele Violino “che incanta l'Anima.

 

Luana Deiana

CON IL CONTRIBUTO DI:

CON IL CONTRIBUTO DI:

SITO IN COSTANTE AGGIORNAMENTO

Stampa Stampa | Mappa del sito
© ASSOCIAZIONE OLIVICOLTORI EUGANEI Via Barbarigo, 2 35030 Galzignano Terme - Padova